In questa guida mettiamo a disposizione alcuni consigli utili su come scegliere il migliore cuscino allattamento in modo semplice e veloce.

Si dice che la maternità sia un momento magico per ogni donna. In realtà, senza discutere sulla gioia portata da un nuovo arrivo, le mamme sono spesso disorientate di fronte ai loro nuovi impegni e alle esigenze di un piccolo essere, tanto fragile quanto esigente. Risulta essere per questo motivo che, in aiuto, soprattutto nel caso di una prima maternità e di una totale inesperienza, sono arrivati degli strumenti il cui compito è rendere più agevoli alcuni momenti. Uno di questi, per esempio, è l’allattamento. Si tratta, effettivamente, di un gesto naturale ma non così automatico. In realtà richiede, almeno per le prime volte, comodità e tranquillità, per far in modo che madre e bambino entrino facilmente in connessione.

Per rendere tutto più agevole, negli ultimi anni è stato messo in commercio un oggetto tanto semplice quanto essenziale. Si tratta del cuscino per l’allattamento. Questo, infatti, è stato progettato per aiutare le mamme a sorreggere nel modo più giusto e agevole il neonato durante l’allattamento. Ma ha una sua efficacia anche durante la gravidanza, visto che aiuta a sostenere la schiena da seduta mentre si guarda la tv o si legge un libro sul divano. La sua efficaccia aumenta di notte quando,mettendolo tra le gambe, aiuta a tenere una posizione confortevole per riposare meglio dando sollievo alla colonna vertebrale.

A dimostrare la sua utilità, è l’utilizzo sempre maggiore da parte di molte donne. A consigliarlo, inoltre, sono anche numerosi blog dedicati alla maternità cui si rivolgono mamme per confrontarsi e dissolvere dubbi. Ma vediamo quale risulta essere funzione di questo oggetto durante l’allattamento. Questo, oltre a rappresentare un appoggio durante l’allattamento, può trasformarsi in un caldo e comodo guscio dentro il quale fare risposare il bambino per il suo sonnellino. A questo punto, però, bisogna sapere fare una scelta consapevole per quanto riguarda le forme e le imbottiture migliori da scegliere.

Come Scegliere un Cuscino Allattamento

La prima caratteristica da valutare è la forma. Particolarmente conosciuto è il serpentone. Questo modello ha i suoi vantaggi e svantaggi. Viste le dimensioni piuttosto ampie, il suo utilizzo è sicuramente più agevole durante la gravidanza proprio per uscire a riposare nel modo migliore. Infatti, abbracciato e posizionato tra le gambe, permette di ottenere una delle posture migliori per non caricare sulla schiena. La sua forma, però, lo rende meno efficace per altri utilizzi. Per utilizzarlo durante l’allattamento, per esempio, è necessario dargli una forma U o a ferro di cavallo. Inoltre è molto meno imbottito del cuscino a ciambella. In caso contrario, infatti, non sarebbe possibile dargli una forma. Questo comporta un’inconveniente non di poco conto. Ossia il cuscino è floscio e sostiene meno, per questo diventa scomodo quando deve essere usato per sistemare il bambino o per sostenere la schiena durante la gravidanza nella posizione seduta. La situazione, però, potrebbe cambiare nel caso in ci si si trovi a affrontare la doppia gioia di una maternità gemellare. In questo caso il cuscino a serpentone dimostra tutta la sua efficacia, visto che la grandezza aiuta a gestire in coppia i gemelli. Per finire, questo modello è solitamente fornito di lacci per fissare e unire le due estremità.

L’altra alternativa è rappresentato appunto dal cuscino a ciambella. Normalmente è fornito di una buona imbottitura, inoltre è più semplice da utilizzare durante la gravidanza, per appoggiare la schiena da seduti, anche se è leggermente più scomodo per dormire la notte. La sua applicazione migliore è durante l’allattamento. Questo cuscino, infatti, risulta essere ideale sia per fare mangiare il bambino che per farlo riposare dopo l’allattamento. Inoltre può esse utilizzato anche durante la crescita , visto che può sostenere il bambino da seduto nel momento in cui diventa più grande.

Oltre alla forma, un altro elemento fondamentale da tenere in considerazione è l’imbottitura. O meglio, il materiale con cui viene realizzata. Anche in questo caso ci si trova di fronte a delle opzioni di vario tipo. La prima è l’imbottitura in poliestere. Si tratta di un materiale sconsigliato nel caso in cui si desideri comprare un cuscino. In primo luogo perché, essendo un materiale sintetico, surriscalda e porta a una sudorazione eccessiva, soprattutto durante l’estate. Come elemento positivo, però, i cuscini in poliestere hanno una forma più grande e compatta rispetto a quelli in pula di farro o miglio e, per questo motivo, hanno anche una consistenza più morbida di quelli con imbottitura naturale.

Completamente naturali, rinfrescanti, traspiranti sono i cuscino con imbottitura di pula di farro e miglio. Entrambe sono coltivate senza l’utilizzo dei pesticidi e derivano dallo scarto della loro lavorazione. Vista la loro naturalezza, dunque, sono la scelta migliore per il neonato. Questo perché dormire su un cuscino imbottito con materiali naturali favorisce un sonno più tranquillo e perché un cuscino riempito con una quantità corretta di pula di farro o di miglio non si affloscia e riesce a sostenere al meglio il peso del bambino e del corpo della mamma. Inoltre, questi materiali contengono fino al 90% di acido silicico. Stiamo parlando di uno dei rimedi naturali più efficaci per dare sollievo alle contrazioni muscolari e le piaghe da decubito. Oltre ad essere particolarmente indicato contro i dolori delle ossa o della muscolatura.

Questi materiali, oltre a garantire un massaggio ristoratore, sono anche termoregolatori. Vuol dire che riescono a mantenere sempre stabile la temperatura corporea offrendo fresco d’estate e caldo d’inverno. In questo modo si evita la sudorazione in eccessivo sia del piccolo che della mamma, riuscendo anche a prevenire delle irritazioni cutanee sempre spiacevoli. Tra gli altri vantaggi, poi, c’è quello di una manutenzione e pulizia facile da controllare. Infatti la pula di farro e di miglio possono essere trattate a ogni cambio stagione, passando sul cuscino il vapore del ferro da stiro e facendolo poi asciugare assicurandosi che non rimanga umidità. Per quanto riguarda le dimensioni, invece, queste sono decisamente più piccole rispetto ai cuscini in poliestere, in quanto essendo più pesante l’imbottitura, sono più facili da gestire. Per finire il viaggio all’interno di questo prodotto completamente naturale, tenete presente che è necessario accertarsi sempre della provenienza dei materiali. Questi, infatti, devono essere il frutto di coltivazioni biologiche accertate.

Uguale attenzione è richiesta per il rivestimento del cuscino. Infatti, anche in questo caso, è sempre meglio optare per dei materiali naturali come il cotone biologico o il bambù, anche questi dovrebbero essere certificati, morbidi al tatto e più sicuri, visto che verranno a contatto con la pelle delicata dei nuovi arrivati. Bisogna dire che, solitamente, tutti i cuscini in pula di farro e miglio sono rivestiti con una fodera di cotone grezzo neutro che, però, non è sfodera bile. Per questo motivo viene sempre abbinata una seconda fodera in cotone bio o bambù, colorata o a fantasia, che può essere tolta e lavata senza alcun problema.

A questo punto non c’è altro da sapere sui cuscini da allattamento. L’unico dubbio potrebbe riguardare solamente i luoghi migliori dove acquistarli. Come per molti altri gadget riguardanti il mondo dei bambini, anche questo è facilmente reperibile online. Potete tranquillamente rischiare l’acquisto, visto che il prodotto non ha bisogno di essere necessariamente toccato con mano e, nel caso non soddisfi le vostre aspettative, potete sempre ricorrere al diritto di recesso.

Posizione Corretta per Allattare

Assumere una posizione corretta durante la poppata è fondamentale sia per la mamma che per il bambino, permetterà infatti di vivere l’esperienza nel migliore dei modi. Una postura scorretta puó portare il bambino a avere difficoltà nel raggiungere il capezzolo e di conseguenza a una presa sbagliata di esso causando alla mamma fastidiosi dolori al seno. Le posizioni corrette da assumere durante l’allattamento sono principalmente tre. La prima, chiamata abbraccio, è una delle più comuni, da sedute appoggiate il bambino sul cuscino che avrete messo intorno alla vita, tenendolo tra le braccia fate attenzione che la sua testina appoggi sul vostro gomito, riuscirete così a portare il nasino all’altezza del capezzolo in modo che sarà più facile per lui raggiungerlo naturalmente, tenendolo stretto a voi assicuratevi che la pancia del bambino tocchi la vostra. La seconda posizione chiamata rugby, ideale sopratutto se si hanno gemelli, si svolge sempre stando sedute, appoggiando il bambino sul cuscino con le gambine rivolte verso l’esterno in modo da tenerlo sotto l’ascella, come fanno i giocatori di rugby con la palla, in questo modo potrete tenere con la vostra mano la testa del bebè riuscendo a indirizzarlo nel modo giusto verso il vostro capezzolo. La terza posizione, chiamata “abbraccio incrociato” è ideale per i bimbi molto piccoli o nati prematuramente; sempre da sedute con il bambino sopra al cuscino tenete la sua schiena e la testina con il braccio opposto al seno con cui volete allattarlo, assicurandovi sempre che la sua pancia tocchi la vostra, riuscirete così a sostenerlo meglio ed avere una presa molto più salda su di lui.

Sicuramente il cuscino allattamento renderà tutto più semplice e comodo assicurando un appoggio sicuro al bimbo e permettendogli di stare sdraiato comodamente, inoltre voi avrete le mani libere così da poterlo coccolare e allo stesso tempo accompagnandolo nel modo giusto nella presa del capezzolo. Il cuscino allattamento è sicuramente uno strumento indispensabile per ogni mamma.

Altri Utilizzi del Cuscino Allattamento

Il cuscino allattamento sarà quindi uno strumento indispensabile per la mamma che allatta, sopratutto nei primi mesi di vita del neonato quando le poppate saranno lunghe e frequenti, ma questo non è l’unico utilizzo che si può avere dal cuscino, infatti è stato creato appositamente per svariati utilizzi e per essere usato nel tempo. Per esempio sarà ottimo da usare come riduttore del lettino o della culla, garantendo al bambino notti più confortevoli e calde soprattutto durante l’inverno. Quando il vostro bimbo crescerà e inizierà a imparare a stare seduto, soprattutto i primi tempi farà molta fatica e rischierà di cadere nel tenere l’equilibrio, posizionando peró il cuscino intorno al bimbo avrà un ottimo appoggio in modo da evitare brutte testate sul pavimento, potrà così giocare in tranquillità e in tutta sicurezza imparando così a stare seduto senza farsi male. Inoltre troverete sicuramente molto utile acquistare il cuscino allattamento ancora prima di partorire, infatti data la forma ovale, può ritenersi un utile strumento di conforto anche durante la gravidanza, soprattutto negli ultimi mesi, quando la donna può avere difficoltà nel trovare una comoda posizione nei momenti di riposo a causa del grosso pancione. Assumere una postura sdraiata per esempio il più delle volte può essere scomodo per via del peso della pancia, questo farà inevitabilmente passare notti in bianco alla gestante che più che mai ha bisogno di riposarsi. Tenere il cuscino tra le ginocchia potrà servire a rendere la posizione più confortevole permettendo di stare più comode a letto. Man mano che il pancione crescerà sarà normale accusare spesso mal di schiena, in gravidanza non si possono assumere medicinali quindi sarà difficile evitarlo o curarlo, posizionare però il cuscino dietro di noi quando ci sediamo fornirà un ottimo sostegno e aiuterà ad attenuarlo. Utilizzerete sicuramente tantissimo il cuscino d’allattamento, che oltre a disporre di una fodera colorata con cerniera in modo da poterla sostituire, è lavabile interamente in lavatrice a 30 grado.

Prezzi Cuscino per Allattamento

Presenti sul mercato esistono quindi moltissimi tipi di cuscini da allattamento, prevalentemente sono poche le caratteristiche che li differenziano tra i vari marchi. Potrete però scegliere tra una vasta gamma di dimensioni e di colori. Ogni marca infatti offre fodere con motivi diversi, potrete così acquistare quella che piú si avvicina al corredino della cameretta del bimbo. In alcuni siti é possibile inoltre commissionare fodere di colori da voi decisi con la possibilità di acquistare più di una per tenere il cuscino sempre pulito e pronto da usare ovunque e in ogni momento. La Chicco realizza cuscini con un lato in cotone e un lato in velluto, comodo da usare sia in estate utilizzando la parte in velluto che in inverno usando quella in cotone.

I prezzi sono molto variabili; difatti oscillano dal più economico che va sui 20 euro circa al più costoso sui 70 euro circa. Il cuscino allattamento può anche essere un’ottima idea regalo per un’amica o una parente che sta per diventare mamma o un oggetto da aggiungere in lista presso il negozio di fiducia dove avete deciso di indirizzare i parenti per i regali del piccolo. Sicuramente, una volta provato non ne potrete più fare a meno e lo consiglierete alle persone vicine a voi.

Seguendo le indicazioni messe a disposizione in questa guida è quindi possibile scegliere il migliore cuscino allattamento in modo semplice e veloce.