In questa guida spieghiamo come scegliere il migliore divanetto per bambini.

Secondo gli esperti, per garantire una crescita serena ed equilibrata ai propri piccoli è fondamentale costruire loro un ambiente che sia di uso esclusivo dove, per esempio, potere dare libero sfogo alla fantasia, disegnare, sperimentare talenti e trascorre del tempo da soli o con dei compagni di gioco.

Ovviamente è fondamentale provvedere anche altri aspetti più interiori e fondamentali, quali la sicurezza di una famiglia stabile e la presenza di genitori partecipi. Dato per certo tutto questo, comunque, un passo fondamentale è costituito proprio dall’organizzazione di una cameretta o di una stanza dei giochi dove vengono inseriti elementi di suo quotidiano utili sia alla comodità che allo sviluppo del piccolo.

Tra questi, per esempio, possono essere annoverati anche i divanetti per bambini. In sostanza si tratta di oggetti che non vengono considerati con frequenza quando si va a concepire la cameretta per il proprio bambino ma che, nel corso del tempo, potrebbero dimostrare dei risvolti molto positivi.

Ovviamente non tutti hanno a disposizione lo spazio adeguato per inserire una seduta a due posti. In questo caso, comunque, è sempre possibile pensare all’utilizzo di una poltroncina imbottita altrettanto comoda. Ma andiamo con ordine e iniziamo proprio con il considerare i benefici che derivano dall’utilizzo di un divanetto per i più piccoli. Per molti genitori questo oggetto potrebbe risultare superfluo, visto che per il loro eventuale riposo i bambini possono usufruire del letto. In realtà, utilizzare i divanetti può aiutare i propri figli a comprendere le diverse applicazioni e funzioni dei mobili a loro disposizione. In questo caso, dunque, il letto diventa un luogo destinato al risposo notturno, la scrivania allo studio o al disegno, mentre il divano può trasformarsi in un posto adibito al riposo con il proprio libro di fiabe preferito o con un classico fumetto.

Oltre a questo, poi, non si deve nemmeno sottovalutare un altro elemento positivo sia per i bambini che per i loro genitori. Nello specifico ci si riferisce al timore di sporcare il salotto di mamma con colori o con l’irruenza tipica dei piccoli. In questo caso, dunque, un divanetto diventa uno spazio proprio dove, in parte, riprodurre alcuni atteggiamenti quotidiani degli adulti senza, però, dovere sottostare alle loro limitazioni. Stabilita l’utilità di questi mobili per ragazzi, adesso vediamo come scegliere il modello migliore da inserire nella cameretta. Gli elementi da considerare sono essenzialmente due. da una parte lo spazio che si ha a disposizione e, dall’altra, il gusto dei piccoli.

Per quanto riguarda la metratura della stanza, come abbiamo già accennato, è possibile ovviare con l’acquisto di una poltroncina, anche se i modelli in commercio non superano gli 80 cm. Nel caso, invece, non si debbano affrontare delle limitazioni particolari, è possibile lasciarsi andare alla scelta di diversi modelli. Solitamente, comunque, questo tipo di divanetti hanno una struttura solida in legno e vengono arricchiti da imbottiture il cui scopo, ovviamente, è di rendere più comoda la seduta del bambino.

Per arricchire il tutto, poi, possono essere aggiunti anche dei colorati e simpatici cuscini in tinta con la stoffa utilizzata per la copertura. Stabilito che oltre all’aspetto puramente estetico questi elementi di arredo debbano garantire anche un’evidente comodità, andiamo a considerare nel dettaglio le varie soluzioni messe sul mercato. In particolare la scelta può prevedere due diverse soluzioni. Da una parte abbiamo i divanetti in poliuretano, mentre dall’altra quelli in rattan. I primi garantiscono comodità e morbidezza, oltre alla possibilità di essere lavati con un semplice colpo di spugna. Questo elemento, poi, non è secondario, visto la facilità insita nei bambini di sporcare tutto ciò che toccano. Il divanetto in rattan ha, inevitabilmente, un aspetto più rustico e,se vogliamo, elegante. Non è un caso, infatti, che potrebbero essere collocati tranquillamente anche in esterno, sotto un pergolato, accanto a quello di dimensioni più grandi destinato ad ospitare gli adulti. Per rendere la seduta più comoda, comunque, è possibile arricchire il tutto con dei cuscini e delle copertine colorate.

Altro aspetto fondamentale da considerare, comunque, è anche il gusto dei propri piccoli che non dovrebbero mai essere esclusi dall’acquisto di un oggetto riguardante tanto da vicino la loro quotidianità. Per questo motivo, dunque, visto anche che il divanetto dovrà andare ad arricchire e personalizzare la cameretta, si consiglia di seguire sempre le direttive estetiche del proprio bambino per evitare di doversi confrontare con un netto rifiuto nell’utilizzo di qualche cosa che non risponde alle sue aspettative. Per aiutare piccoli e genitori nella scelta, poi, basta lasciarsi andare alle molte possibilità ed opzioni messe in commercio sul mercato. Le varie aziende di oggetti e mobili dedicati all’infanzia, infatti, sono riuscite nell’intento di utilizzare i vari campi d’interesse dei bambini, senza tralasciare, poi, gli eroi e le eroine che abitano le loro fantasie. In questo senso, dunque, anche nel campo specifico di divanetti per bambini è possibile accontentare animi romantici ed altri sicuramente più avventurosi.

Seguendo le indicazioni presenti in questa guida è possibile scegliere il migliore divanetto per bambini in modo semplice e veloce.