In questa guida spieghiamo come scegliere le migliori porte da calcetto per bambini.

Dalla televisione, ai giornali, passando ovviamente per i consigli più specializzati e competenti di degli esperti, non si fa che sostenere l’importanza dello sport, soprattutto per quanto riguarda lo sviluppo dei più piccoli.

Effettivamente praticare una precisa disciplina sportiva, oltre ad aiutare nella crescita fisica e nel rafforzamento della muscolatura, contribuisce anche all’evoluzione del carattere. Per questo motivo, dunque, per i bambini sono consigliati soprattutto degli sport di squadra. In questo modo, infatti, non solo imparano a relazionarsi con gli altri, ma entrano in possesso degli strumenti utili per affrontare le piccole o grandi tensioni che possono nascere all’interno di una comunità o un gruppo. Per non parlare, poi, di quanto sia essenziale apprendere il concetto stesso di squadra e collaborazione per ottenere un risultato finale che sia frutto dell’impegno di tutti.

Tra le varie discipline che potrebbero essere adatte a stimolare tutte queste qualità e conoscenze, c’è ovviamente, anche il calcetto. In sostanza si tratta di uno sport che segue le stesse identiche regole del calcio, nonostante venga giocato con un numero ridotto di partecipanti. Le squadre, infatti, sono composte solamente da cinque giocatori e il campo regolamentare ha delle dimensioni inferiori. Per il resto, il fine rimane invariato, ossia mandare la palla in rete avversaria e segnare quanti più goal per la propria squadra. Continuando a parlare di reti, dunque, possiamo affermare che un oggetto essenziale per potere svolgere al meglio questo sport è proprio la porta. In questo caso ci troviamo, inevitabilmente, di fronte a dei modelli dalle misure ridotte rispetto a quelli utilizzati per il calcio tradizionale. Se, poi, devono essere utilizzate da squadre di bambini, le porte da calcetto diventano ancora più piccole.

Sostanzialmente si tratta di oggetti la cui funzione può essere anche esclusivamente di gioco, senza per questo prevedere un’applicazione agonistica. Tanto per essere più chiari, le porte da calcetto per bambini possono essere acquistate tranquillamente anche da chi ha una casa con giardino. In questo caso specifico l’oggetto può essere sfruttato in tutto il suo potenziale, permettendo di organizzare anche delle merende sportive tra piccoli appassionati di pallone. Per fare maggiore chiarezza sul tipo di porta di cui stiamo parlando, però, è opportuno fare un confronto immediato con le dimensioni degli altri modelli. Partendo da dati regolamentari, iniziamo proprio dal calcio a cubqye. In questo caso la porta dovrebbe essere inserita all’interno di un campo la cui lunghezza varia dai 25 ai 42 metri, mentre la larghezza va dai 15 ai 25 metri. Considerate le misure appena date, dunque, la porta dovrebbe corrispondere a 3 metri di larghezza e a 2 di altezza. I pali, poi, hanno uno spessore pari a 8 cm.

Per quanto riguarda, invece, il calcio a sette, le porte corrispondono a 6 metri di larghezza e a 2 di altezza. Chiudiamo il discorso sulle misure, ovviamente, con quelle relative al calcio tradizionale. In questo caso ci si confronta con delle dimensioni sensibilmente diverse visto che le porte, per essere considerate regolamentari, sono caratterizzate da pali alti 2,44 metri e distanti 7,32. Stabilito tutto questo, dunque, adesso vediamo quali direttive seguire per scegliere la migliore porta da calcetto per far giocare i propri bambini. Prima di tutto si deve partire da un dato di fatto relativo all’abitudine dei più piccoli di giocare quasi sempre un calcio a cinque o, al massimo, a sette. Da qui si deduce che è opportuno dirigersi verso dei modelli le cui misure risultano essere regolamentari per questo tipo di disciplina.

L’altro aspetto fondamentale, dopo avere stabilito le dimensioni, sono i materiali utilizzati per la realizzazione di una porta da calcetto per bambini. Trattandosi di un oggetto la cui collocazione prevede una continua esposizione all’aperto e, quindi, alle varie condizioni climatiche, è opportuno scegliere modelli in grado di resistere sia alla pioggia battente che alle temperature più basse tipiche della stagione invernale. Per quanto riguarda, poi, la composizione della rete, questa prevede l’uso del poliestere, visto che riesce a resistere agli urti di una palla calciata con un certo slancio.

Una volta prese le misure e controllata la qualità dei materiali, però, è arrivato il momento di considerare anche il fattore assemblaggio e sicurezza. Perché una porta per calcetto risulti pratica, per esempio, deve offrire la possibilità di essere montata in pochi passaggi. Si ricorda, infatti, che il modello viene acquistato in una confezione da assemblare.

Altrettanto importante, poi, è la sicurezza. La porta, infatti, una volta montata, deve essere assicurata con certezza e stabilità al terreno di gioco. Nessuno, infatti, vorrebbe veder crollare uno di questi modelli sulle spalle dei propri figli nel momento di gioco più intenso, rischiando un infortunio imprevisto e, soprattutto indesiderato. Per finire, poi, anche il peso ha il suo valore. Questo vuol dire che, per rendere maneggevole lo spostamento sul terreno, le porte da calcetto devono essere necessariamente leggere. Tutte queste caratteristiche, ovviamente, corrispondo ad un prezzo. In questo caso è possibile andare da un minimo di 30 euro, per quanto riguarda i modelli più economici, fino ad un massimo di 150 per quelli più professionali.

Seguendo le indicazioni presenti in questa guida è possibile scegliere la migliore porta da calcetto per bambini in modo semplice e veloce.