In questa guida spieghiamo come scegliere la migliore giostrina per culla per le proprie esigenze.

Se state per avere un bambino sappiate che, tra tutti gli accessori, uno dei più necessari è senza dubbio la giostrina da montare sopra la culla e, successivamente, il lettino. Stiamo parlando, in particolare di carillon sospesi caratterizzati da aminali e altre immagini legate all’infanzia, il cui compito è di intrattenere i piccoli con il movimento e conciliare il sonno attraverso la sua melodia.

Si tratta, dunque, di un elemento che, oltre a essere particolarmente piacevole dal punto di vista estetico, aiuta anche i genitori a costruire la quotidianità del proprio piccolo. In effetti, non va sottovalutato nemmeno il ruolo pedagogico di queste giostre. Con il movimento dei suoi personaggi, infatti, allena i riflessi oculari e l’attenzione del neonato fin dai primi momenti.

Per non parlare, poi, delle non poche notti in bianco di cui bisogna tenere conto quando si accoglie un figlio. In quell’occasione, questo tipo di carillon potrebbe essere un valido aiuto, stimolando il rilassamento.

Per questo motivo, un oggetto dalla struttura molto semplice e, a prima vista, di scarso significato, è consigliato addirittura da molti esperti di pedagogia. In effetti, il rapporto benefico della musica sui bambini è stato ampiamente comprovato. Anche per questo motivo molti esperti consigliano alle future mamme di comprare le giostrine addirittura prima della nascita. Facendo ascoltare la melodia al piccolo, infatti, si abituerà a comprendere quando è arrivato il momento di fare la nanna. Considerate, infatti, che la nascita è un momento particolarmente stressante per il nascituro, che si trova letteralmente lanciato in un ambiente troppo vasto, nuovo e tendenzialmente freddo rispetto al corpo della madre. La musica ascoltata in precedenza, come il calore della mamma, potrebbe trasformarsi in un importante punto di riferimento a cui aggrapparsi nei momenti di difficoltà.

Come abbiamo già accennato, però, le giostrine, oltre all’effetto calmante, hanno anche uno scopo ludico importante, il cui compito è stimolare i riflessi del bambino e la sua curiosità in età molto precoce. Per questo motivo, rispetto ai modelli del passato che hanno accompagnato il sonno di molti, oggi le aziende del settore hanno posto nella progettazione e nella realizzazione di questi strumenti un’attenzione maggiore. Tanto che alcuni modelli presentano un numero sempre maggiore di luci, alcune delle quali vengono addirittura proiettate sul soffitto, e di un’ampia scelta di melodie. In questo modo è possibile provarle tutto fino a quando non si troverà quella che maggiormente attrae l’attenzione del piccolo o ha incredibili proprietà calmanti, che non sono certo da sottovalutare. Nonostante tutte queste caratteristiche, però, bisogna comunque considerare un particolare, ogni bambino reagisce in modo del tutto personale alle stimolazioni esterne. Quindi non è improbabile trovarsi davanti a un bambino eccitato dal movimento e dai suoni piuttosto che rilassato. Significa che si dovrà mettere in conto di avere un figlio particolarmente attivo e poco incline al sonno.

A questo punto vediamo quali sono gli elementi da considerare al momento dell’acquisto della fatidica giostrina. Due caratteristiche sono fondamentali, la facilità di utilizzo e la tipologia delle melodie. Soprattutto per quanto riguarda la musica è sempre consigliabile ascoltarla prima di acquistare l’oggetto. La scelta dovrebbe cadere su delle melodie tranquille, rassicuranti e, come abbiamo più volte specificato, concilianti al sonno. In questo senso, dunque, si devono evitare ritmi troppo accelerati e sostenuti che potrebbero causare proprio l’effetto opposto. La scelta migliore, invece, è la musica classica, le ninna nanne e filastrocche. Continuando a considerare la musica, poi, è consigliabile assicurarsi che il motivo duri per molti minuti e non termini subito. Questo permetterà ai genitori di non dover correre spesso e frequentemente nella stanza del piccolo per riattivare il carillon.

Per quanto riguarda la struttura e il materiale utilizzato, si deve controllare sempre che ci siano certificazioni sicure e riconosciute. I materiali, poi, devono essere solidi, visto che i bambini hanno l’abitudine di portare tutto alla bocca. Sono da evitare anche spigoli e forme poco arrotondate. Ideale sarebbe avere anche degli elementi morbidi e piacevoli al tatto.

Il passo successivo, poi, è rappresentato dal compiere una scelta tra il modello a carico e quello a batteria. I modelli a batteria hanno molti vantaggi, tra cui una durata più lunga, diverse opzioni e la possibilità di essere utilizzati anche con telecomando. Tra gli aspetti negativi, invece, dobbiamo verificare che le batterie siano assemblate in un luogo sicuro e si deve mettere in conto un maggiore spreco energetico. Per quanto riguarda i carillon a carica, invece, hanno minori funzionalità e si deve riattivare il dispositivo a mano. Per questo motivo, e per evitare di entrare nella stanza del piccolo ogni cinque minuti, scegliete, come abbiamo detto, modelli dalla durata mediamente lunga. Ovviamente, rispetto a quelle a batteria, queste giostrine sono più economiche.

Per terminare la parte di descrizione generale, considerate che esistono due diverse tipologie, quelle da comodino e quelle da attaccare al lettino. Nel primo caso, si tratta di un elemento meno interattivo ma che, per esempio, può avere più funzioni luminose da proiettare sul soffitto. Il secondo, invece, ha un contatto diretto con il bambino.

A questo punto guardiamo alcuni dei modelli di giostrine più apprezzati e venduti. Tra tutti spicca Chicco Giostrina Magie di Stelle. Prodotta e distribuita dal marchio, è dotata di molte funzionalità. Per esempio, presenta un sistema di doppia proiezione grazie al quale è possibile proiettare varie tipologie di stelle, pianeti e galassie. Tutte contemporaneamente e accompagnate da una buona selezione di musica. Queste melodie vanno dal genere classico al new age per un complessivo di diciotto minuti consecutivi. Chiude i pregi anche una luce che si può attivare durante la notte con il semplice pianto del bambino.

Segue Tiny Love Giostrina Mobile. Questo modello garantisce trenta minuti di musica rilassante e un attacco universale. Grazie a questo, ad esempio, è possibile portare la giostrina anche in viaggio e inserirla su lettini da trasporto, culle, seggiolini auto e passeggini.

Se, invece, preferite la tradizione, allora potete scegliere Casetta delle Apine che, nella struttura con le api sospese ricorda molto le giostrine del passato. Questa può essere applicata alla sponda del lettino e utilizzata anche successivamente, dopo il sesto mese, separando il carillon della casetta dal restante corpo.

Chiudiamo con Fisher Price. Questa giostrina, come gran parte dei giocattoli realizzati dal marchio, ha grandi capacità interattive. Per esempio, proietta sul soffitto e le pareti fiori e farfalle, mentre il genitore può scegliere tra cinque diverse melodie. Oltre all’aspetto più moderno, poi, il modello Fisher Price riprende alcuni elementi classici, come delle parti in movimento formate da peluche di orsetti. Questi, inoltre, sono degli elementi del tutto indipendente, visto che possono essere staccati e utilizzati come giocattolo a parte. In questo modo, dunque, la giostrina può essere utilizzata anche una volta trascorsi i primi mesi, continuando a intrattenere in modo diverso il bambino. Destinata a un secondo utilizzo è anche la base ripiegabile, che può essere trasformata in una lampada da tavolo. Per finire, poi, il modello funziona con due pile formato stilo per il telecomando e quattro formato torcia per la giostrina. Nessuno di queste sono comprese nella confezione e, quindi, dovranno essere acquistate separatamente.

Seguendo le indicazioni proposte in questa guida è possibile scegliere la migliore giostrina per culla in modo semplice e veloce.