In questa guida spieghiamo come scegliere il migliore lettino da viaggio per le proprie esigenze.

Una volta era chiamato lettino da camping, anche se la probabilità che una famiglia media italiana si avventurasse in campeggio con un bambino piccolo era molto improbabile. Questo nome, però, deriva probabilmente dal principio di praticità e trasportabilità che ha ispirato la progettazione dell’oggetto.

Oggi viene più comunemente chiamato lettino da viaggio e rappresenta un oggetto di maggiore utilità rispetto al passato. Questo si deve al cambiamento delle abitudini dei genitori che, prendendo ispirazione dalle avventurose e organizzate famiglie straniere, hanno deciso di viaggiare nonostante l’arrivo di un nuovo nato.

In definitiva la prassi di chiudersi in casa  per grande parte dei successivi dodici mesi è svanita nel nulla, fortunatamente. Attualmente, infatti, è possibile trasformare i nostri piccoli in viaggiatori dotandoli di accessori adatti per loro. Il lettino da viaggio è proprio uno di questi e può tornare particolarmente utile quando, prenotando un appartamento privato, come risulta essere sempre più in voga fare, si ha il dubbio di non avere a disposizione il posto giusto per far riposare il bambino. A questo, inoltre, si aggiunge anche la possibilità non remota di dovere pagare un’aggiunta sul prezzo complessivo della stanza proprio per un semplice lettino. Quindi, perché non acquistarlo e sfruttarlo ogni volta che si presenta l’occasione.

Ovviamente il viaggio non è l’unica occasione in cui questo accessorio può mostrare la sua utilità. Per esempio, la sua presenza può fare la differenza quando il vostro piccolo, per un motivo preciso o per una semplice visita settimanale, resterà a dormire dai nonni. In questo caso basterà caricare il famoso lettino da viaggio e montarlo con poche mosse nella casa di torno. Detto questo e stabilita l’utilità, se non la necessità di munirsi di questo accessorio, specifichiamo che, accanto a un utilizzo costante brilla anche un altro elemento positivo, ossia il costo contenuto dell’oggetto che, a quanto apre, non richiede ai genitori desiderosi di autonomia uno sforzo economico proibitivo. A dimostrarlo, ovviamente, sono i modelli pensati e messi in vendita dai vari marchi  dedicati all’infanzia come Chicco, Cam, Inglesina, Giordani, Brevi e Hauck.

Prima di addentrarci più specificatamente nella descrizione di alcuni dei modelli più acquistati, conviene comprendere quali caratteristiche osservare per scegliere il migliore lettino da viaggio. Per prima cosa precisiamo che la praticità è alla base di questo oggetto. Il che significa che deve essere dotato di un sistema efficace di chiusura e apertura senza richiedere uno sforzo eccessivo da parte dei genitori. Inoltre sarebbe opportuno considerare anche le dimensioni una volta chiuso per capire l’effettiva possibilità di farlo entrare nel portabagagli dell’auto. Il secondo elemento, anche se in realtà è il più importante, riguarda la sicurezza del piccolo ospite. Questo significa assicurarsi della solidità del lettino da viaggio scelto. Risulta essere essenziale sapere che sono stati commercializzati modelli diversi secondo l’età del piccolo. Nei primi mesi di vita, infatti, il bambino tende a muoversi molto meno. Questo richiede una struttura che sia meno solida. Con lo sviluppo, però, il piccolo si fa sempre più vivace e mobile. A quel punto, dunque, è necessario scegliere una struttura solida. Il rischio, infatti, sarebbero inopportuni e pericolosi capovolgimenti. Il consiglio prima di acquistare un modello è di considerare le proprie necessità dopo di che optare sempre per un lettino adatto a ospitare un bambino di due o tre anni. In questo modo, infatti, si evita una spesa doppia.

Continuando a parlare dell’aspetto economico, la rete potrebbe essere il luogo ideale per trovare buone occasioni. Nonostante questo, però, si consiglia sempre di andare a costatare con mano e in prima persona la qualità e le caratteristiche del modello prescelto. Dunque, armatevi di pazienza e fate un giro in alcuni grandi store dedicati all’infanzia. In questo modo potrete considerare alcuni elementi come la praticità, la facilità di chiusura e, soprattutto, la solidità.

Inoltre non dimenticate di valutare anche il fattore accessori. Anche se si tratta di una scelta personale, particolarmente utile potrebbe essere anche la presenza di una chiusura con cerniera di una parete del lettino. Questo valore aggiunto è del tutto inutilizzato per i primi mesi di vita del piccolo, visto che sarà depositato direttamente dalle braccia dei suoi genitori. Tutto sarà diverso, invece, quando inizierà a camminare e a essere indipendente. Oltre che a esplorare pericolosamente l’ambiente intorno a lui. Da quel momento, dunque, questa apertura potrebbe mostrare tutta la sua utilità permettendo al bambino di entrare e uscire. Altrettanto importanti sono le ruote, grazie alle quali è possibile spostare il lettino con il minimo sforzo e, per finire, si consiglia di dare uno sguardo al fondo del lettino, in modo particolare al materassino. Se, infatti, avete in programma un viaggio di più giorni, potrebbe essere opportuno acquistare un materassino aggiuntivo per garantire un riposo più comodo al vostro piccolo.

A questo punto, dopo avere considerato i vari elementi, entriamo nel dettaglio e vediamo quali sono i modelli di lettino da viaggio che hanno conquistato il favore dei genitori più esigenti. Per valutare tutte le possibilità e le diverse disponibilità economiche, proviamo a costruire una selezione piuttosto equilibrata tra modelli super accessoriati e altri più essenziali. Partiamo da Hauck Dream’nPlay. Si tratta di un lettino da viaggio adatto per bambini fino a un peso massimo di 15 chilogrammi. In questo caso, poi, la custodia si trasforma in materasso. Nonostante questo, però, si consiglia di acquistare un altro materassino di circa cinque centimetri di spessore. In questo modo, proprio come abbiamo accennato poco fa, è possibile garantire un riposo sereno al proprio piccolo. A renderlo particolarmente appetibile, poi, è anche la sua leggerezza, visto che pesa solamente 11 chilogrammi. Questo significa che è facilmente trasportabile, grazie anche a delle dimensioni pari a 23 x 24 x 76 centimetri.

Se entriamo in un negozio dedicato all’infanzia, non possiamo non imbatterci in un prodotto della Chicco. Nel variegato mondo dei lettini da viaggio, poi, possiamo prendere in considerazione Chicco Goodnight. Il nome evoca la sicurezza di un dolce sonno e a garantirlo, nella pratica sono soprattutto alcuni elementi come un oblò in rete a maglia fine per ottenere una perfetta areazione e non soffocare il piccolo con un ambiente troppo costrittivo. Per facilitare la vita ai genitori, invece, è dotato di un sistema di apertura e chiusura a ombrello ed è fornito anche di un utile dispositivo a doppia sicurezza giusto per evitare le chiusure accidentali.

Seguendo le indicazioni proposte in questa guida è possibile scegliere il migliore lettino da viaggio in modo semplice e veloce.