In questa guida spieghiamo come scegliere il migliore mangiapannolini per le proprie esigenze

Siamo onesti. Quando ci si avvicina al mondo dell’infanzia, ci sono degli oggetti dalla forma e dall’utilizzo misterioso. Per non parlare dei nomi, che lasciano grande spazio all’immaginazione. Uno di questi è, sicuramente, il mangiapannolini.

Per chi non esibisce una chiara esperienza nel mondo dei neonati o è una mamma in attesa con molti dubbi su cosa acquistare oppure no, è giusto iniziare con chiarezza e definire cosa si nasconde dietro mangiapannolino. Nonostante la prima impressione, non si tratta di un macchinario laborioso e nemmeno di un tritarifiuti.  In realtà, ascoltando soprattutto l’esperienza di molte mamme affaccendate tra cambi frequenti e l’organizzazione della vita quotidiana, questo oggetto ha tutte le potenzialità per trasformarsi in uno degli amici più fidati durante i primi tre anni del vostro bambino,

Infatti, sembra che uno dei primi problemi che emerge nella quotidianità dei genitori è quello di individuare un luogo adatto dove buttare il pannolino sporco. La semplice spazzatura potrebbe non essere la soluzione migliore, visto che i bisogni dei bambini, nonostante questi si nutrano di alimenti poco sofisticati, non emanano un odore gradevolissimo, e potrebbero davvero condizionare i profumi di tutta la casa. Per risolvere questa situazione potenzialmente poco piacevole, gli esperti produttori di piccoli e grandi oggetti per l’infanzia, hanno realizzato il mangiapannolini.

Come Scegliere un Mangiapannolini

Tecnicamente è formato da un cestino, più o meno capiente, corredato da molti sacchetti auto sigillanti che, all’arrivo del pannolino, lo chiuderanno quasi ermeticamente, in modo da contenere qualsiasi odore poco piacevole. Si tratta di un ottimo strumento che molte mamme trovano utile, oltre che semplice da usare, infatti, basta il gesto di una mano e il pannolino non procurerà più problemi. Potrebbe rendere più facile anche la quotidianità di molti papà che, disposti a rendersi utili e partecipare attivamente alla quotidianità del proprio piccolo, devono comunque affrontare l’inevitabile fastidio procurato dai primi incontri con il pannolino. Uno stato d’animo che, a quanto sembra, non scompare con la pratica e la costanza.

Ovviamente, trattandosi ormai di un oggetto necessario e desiderato dalle future mamme, tanto da inserirlo nelle liste di nascita, le case produttrici hanno lanciato sul mercato vari modelli che differiscono soprattutto per quanto riguarda la capienza e il tipo di sacchetti utilizzati. Alcuni di questi, infatti, possono utilizzare dei semplici sacchi per la spazzatura, mentre altri ne richiedono di particolari da acquistare a parte. A questo punto, per identificare il modello più adatto alle vostre esigenze, si deve tenere conto anche di questo particolare che, ovviamente, incide sul costo generale dell’oggetto. Nonostante questo, però, è opportuno specificare che l’investimento per ottenere un mangiapannolini di qualità è assolutamente contenuto. Questo significa che, a prezzi piuttosto ridotti, è possibile mantenere la propria casa al riparo da odori poco apprezzabili.

Migliori Mangiapannolini

Ora, dunque, vediamo nel dettaglio quelli che possono essere definiti come i migliori mangiapannolini tra cui effettuare la vostra scelta. Il primo Tommee Tippee Sangenic 84011101. Si tratta di una marca inglese diventata tra le più conosciute tra quelle dedicate ai prodotti per l’infanzia, oltre a essere considerata anche tra le più affidabili proprio dai consumatori. Se queste sono le premesse, è chiaro che i suoi mangiapannolini non potevano che essere dei prodotti eccezionali grazie, soprattutto, a delle caratteristiche molto utili. Permettono, infatti, di sigillare in pochi secondi ogni singolo pannolino e conservano fino a 28 pannolini prima di dovere essere svuotati. Anche la loro funzionalità è molto semplice. Così, inserito un pannolino all’interno del mangiapannolini, bisogna avvolgerlo facendo ruotare una semplice manovella per poi spingerlo in fondo al contenitore con lo stantuffo del coperchio. Il tutto senza mai toccare l’oggetto incriminato evitando anche qualsiasi possibilità di sporcarsi. In questo modo, la maggioranza dei germi e dei batteri è ucciso dalla pellicola multistrato con protezione antibatterica e i cattivi odori sono trattenuti all’interno della struttura. Al momento dell’acquisto si ricevono anche sei ricariche universali, facili da installare e di lunga durata.

Se c’è un marchio da sempre dedicato all’infanzia e al suo mondo sfaccettato, quello è sicuramente Chicco. Per questo non stupisce che anche questo produttore si sia impegnato a mettere sul mercato un modello particolarmente efficiente. A distinguerlo dalla maggior parte degli altri modelli è la possibilità di poteer utilizzare dei normali sacchetti di plastica invece di prodotti e ricariche specifici. Si tratta di un risparmio di denaro notevole a fronte del cattivo odore al momento di aprire il mangiapannolini e riporre al suo interno un pannolino usato. Infatti, al contrario del modello precedente, il pannolino non viene avvolto e sigillato singolarmente, per cui a ogni apertura dell’accessorio corrisponde una zaffata di cattivo odore. Considerate che il contenitore è capiente e, grazie alle ottime guarnizioni e all’innovativo sistema anti odore, il problema è relativo, visto che i cattivi odori sono sigillati al suo interno.

Torniamo a Tommee Tippee per parlare del modello Sangenic 84101515  caratterizzato da una sola ricarica. Si tratta di un elemento importante da considerare, visto che, come abbiamo già visto, sono proprio queste a far salire la spesa generale dell’oggetto. In questo caso, avvolgendo singolarmente ogni pannolino, la ricarica dovrebbe durare all’incirca un mese. Molti, però, consigliano di utilizzare un sacchetto ogni due pannolini, chiudendolo in maniera temporanea sul primo e sigillando una volta inserito il secondo. In questo semplice modo raddoppierete i tempi di utilizzo. Altri ancora utilizzano questo mangiapannolini come fosse un normale bidone e sigillano il carico di pannolini solo al momento di svuotarlo. In questo modo le ricariche durano un’infinità, ma ovviamente le prestazioni non sono le stesse.

Anche Foppapedretti è presente sul mercato, con il modello 9700273400. Così, se apprezzate lo stile prodotto da questo marchio, troverete particolarmente appetibile il mangiapannolini proposto. Si tratta di un modello essenziale, piuttosto economico soprattutto se si approfitta delle frequenti offerte online. Il bidone, delle dimensioni di 56 x 28 x 24,5 cm, ospita al suo interno un sacchetto ricarica costruito con sette strati che creano una barriera che blocca la fuoriuscita dei cattivi odori. Un luogo sicuro e igienico nel quale riporre i pannolini, in attesa che arrivi il giorno giusto per la raccolta differenziata. Risulta essere molto comodo da usare anche con una sola mano, si svuota facilmente e può contenere fino a 180 pannolini, anche se questo dato dipende, ovviamente, dalle dimensioni di questi. Ricapitolando, dunque, i suoi lati positivi sono rappresentati dalla forma che, sviluppandosi in altezza, occupa poco spazio, dalla capienza, perché possono essere contenuti fino a 180 pannolini, e, soprattutto, dal sistema per eliminare i problemi di cattivo odore. Unica nota discordante è la difficoltà a reperire le ricariche dei sacchetti rispetto alle altre marche considerate fino a questo momento.

Concludiamo la panoramica sui mangiapannolini con Diaper Champ 3041 R. Come nel caso del mangiapannolini Chicco, anche questo dispositivo ha il pregio di funzionare senza ricariche particolari, utilizzando invece sacchetti di plastica di qualsiasi tipo. Quindi, a fronte di un investimento iniziale piuttosto consistente, è poi possibile avere un notevole risparmio nei mesi e anni successivi. Realizzato in PVC e piuttosto ingombrante, 40 x 28 x 56 cm, non è molto bello esteticamente ma consente di conservare al suo interno anche una settimana di pannolini usati, potendo così rispettare i cicli della raccolta differenziata. Trattiene gli odori piuttosto bene, anche se è normale avvertire un certo tanfo al momento dell’apertura. Consigliamo di tenerlo in luogo fresco e asciutto, il più possibile lontano da fonti di calore, per ridurre al minimo il cattivo odore.

Seguendo le indicazioni presenti in questa guida è possibile scegliere il migliore mangiapannolini per le proprie esigenze in modo semplice e veloce.