In questa guida spieghiamo come scegliere il migliore monopattino per bambini per le proprie esigenze.

Da alcuni anni, nella fantasia dei bambini è entrato di diritto un nuovo oggetto del desiderio. Almeno una volta, infatti, molti genitori si saranno sentiti chiedere un monopattino. A chi, invece, ancora non si è trovato davanti a  questa richiesta, consigliamo di tenersi pronti all’evenienza e di prepararsi per capire come scegliere il modello migliore.

Iniziamo con il dire che con monopattino si intende un veicolo leggero caratterizzato da una piattaforma allungata e stretta volta ad ospitare i piedi dei bambini, due o tre ruote alle estremità di questa e, per finire, una barra verticale con un manubrio da utilizzare per stabilire la direzione da prendere.

Il monopattino sembra avere soppiantato nell’immaginario dei bambini la bicicletta offrendo, probabilmente, una maggiore idea di libertà. Per rispondere a questa richiesta crescente, le aziende hanno concentrato i loro sforzi per proporre sul mercato modelli sempre più sicuri e, in modo particolare, vantaggiosi per lo sviluppo dei piccoli.

Risulta essere stato provato, infatti, che, oltre al divertimento puro, il monopattino aumenta nei bambini l’equilibrio e la concentrazione. Questo dipende dal fatto che bisogna mantenerlo costantemente in equilibrio per evitare di cadere. Dal punto di vista strettamente fisico, poi, il suo uso contribuisce a rinforzare i muscoli delle gambe e a migliorare la resistenza fisica.

Nonostante la sua struttura semplice, il monopattino si presenta come uno strumento non pericoloso e, addirittura, con effetti positivi per i bambini. Stabilito questo, però, è naturale che alcuni genitori possano sperimentare con una certa apprensione il momento dell’acquisto. Detto che è quasi impossibile evitare ai bambini cadute e sbucciature, vediamo nel dettaglio quali elementi considerare per regalare ad un bambino il migliore monopattino per le proprie esigenze.

Il primo aspetto da considerare è l’età del bambino che utilizzerà il monopattino. Questa attività, infatti, può essere praticata a partire dai due anni di età. In questa fase, però, l’oggetto deve presentare un particolare strutturale piccolo ma fondamentale. Si tratta del numero e della posizione delle ruote. Nei modelli dedicati ai più piccoli, infatti, si consiglia di scegliere soluzioni con tre ruote. Due devono essere poste anteriormente, mentre la terza posteriormente. In questo modo anche i bambini che presentano una certa difficoltà a mantenere l’equilibrio, possono divertirsi con il monopattino senza rischiare di cadere troppo frequentemente.

Dai cinque anni, invece, si può passare ai modelli a due ruote. Nonostante questo, però, si consiglia di considerare sempre le necessità del singolo. In modo particolare, non tutti i monopattini a due ruote possono essere adatti a questa fascia di età. Una soluzione è quella di scegliere delle ruote grandi, in modo da garantire una maggiore aderenza alla strada e una migliore stabilità. Per finire il discorso sull’età, una volta raggiunti gli otto anni è possibile dirigersi verso i modelli più avanzati. Questi sono caratterizzati da ruote off road di 230 mm di diametro. Questo significa che il monopattino può adattarsi a varie situazioni, come sentieri di terra e circuiti. Un’altra possibilità, poi, è rappresentata anche dalla scelta di pneumatici sportivi. Si consiglia di escludere questo tipo di scelta, però, nel caso in cui il bambino non abbia nessuna esperienza con il pattinaggio.

Un altro aspetto da considerare, oltre all’età del bambino e al suo livello di sviluppo, è anche l’utilizzo che si vuole fare del monopattino. Se il monopattino servirà esclusivamente per passeggiare, andare a scuola e giocare, allora sarà sufficiente acquistare un modello che unisca comodità e praticità. In questo caso le ruote devono avere un diametro pari a 125 mm e la sospensione anteriore per garantire un migliore assorbimento degli urti. Nel caso in cui, invece, il bambino abbia già una certa esperienza con lo strumento, allora conviene dirigersi verso un modello più performante. Tra le caratteristiche che devono avere questi modelli ci sono la leggerezza e la resistenza, oltre alla presenza di ruote più dure con un profilo piano di 100 mm di diametro e di cuscinetti più rapidi.

Ultimo elemento, ma non meno importante rispetto a tutto il resto, è il sistema frenante. Inutile dire che si deve scegliere un prodotto di ottima qualità, proprio per garantire al bambino di potere frenare in qualsiasi momento e rapidamente. Sempre parlando di sicurezza, poi, non è assolutamente superflua la presenza di una sorta di paraurti anteriore, soprattutto per quanto riguarda i più piccoli. Si tratta, infatti, di un modo per ammortizzare qualsiasi tipo di caduta, insieme a ginocchiere, gomitiere, casco e scarpe adeguate.

Terminiamo questa guida ricordando che il monopattino ideale deve essere facile da montare e pieghevole, in modo da poterlo trasportare senza alcun problema all’interno dell’automobile.

Seguendo i consigli proposti in questa guida è possibile scegliere il migliore monopattino per bambini in modo semplice e veloce.