In questa guida spieghiamo come scegliere il migliore tavolino per bambini in base alle proprie esigenze.

Qualunque esperto potrebbe sostenere senza problema l’importanza di creare per i propri bambini uno spazio personale a loro misura. Questo perché, aggirandosi in una stanza costruita appositamente per loro, impareranno a essere più autonomi , oltre che a gestire oggetti e spazi.

Per questo motivo, dunque, in questa guida esaminiamo la possibilità di acquistare un tavolino per bambini destinato a diventare, oltre che un complemento d’arredo, un protagonista delle giornate dei più piccoli.

Ovviamente a questo deve essere abbinata una sedia, da scegliere in base all’utilizzo pensato. Ma andiamo con ordine.

Quando si parla di tavolino per bambini non ci si riferisce automaticamente alla classica scrivania. In questo caso, infatti, ci troviamo in un momento ancora precedente, in cui il piccolo di casa, anche se non sa ancora scrivere e non essendo in età scolare, ha comunque bisogno di una superficie a sua misura per alcune attività come colorare, sfogliare dei libri illustrati o, molto semplicemente, giocare con i suoi amici preferiti.

Stabilito il suo utilizzo, a questo punto vediamo come deve essere strutturato questo elemento. La prima caratteristica da rispettare è, come abbiamo già accennato, le dimensioni ridotte per adattarsi perfettamente alle misure e alle necessità del suo piccolo proprietario. Per quanto riguarda la forma, invece, questa segue i gusti personali e, soprattutto, le dimensioni della stanza in cui sarà inserito l’oggetto. Solitamente tavolini rotondi sono consigliati per le bambine che, ancora attratte da giochi dal gusto antico, potrebbero intrattenere le loro ospiti con un elegante incontro pomeridiano arricchito da piattini, tazzine e teiere.

Per i maschietti, invece, sono consigliati modelli caratterizzati da colori vivaci dove potersi dedicare a complicate architetture da realizzare con le loro costruzioni. Stabiliti utilizzo e forma, a questo punto è il caso di considerare anche i diversi materiali con cui vengono costruiti. Solitamente i tavolini per bambini sono realizzati in legno e in plastica. Il primo materiale è adatto per arricchire ambienti interni, mentre il secondo si adegua meglio all’esterno.

Qualunque sia la scelta fatta, comunque, bisogna considerare soprattutto la facile trasportabilità dell’oggetto da un locale all’altro della casa. In questo modo, infatti, i genitori possono tenere sempre sotto controllo le attività e la sicurezza dei propri bambini, qualunque cosa stiano facendo. Nel caso, poi, si abbia un terrazzo o un giardino, si consiglia di acquistare un doppio tavolino in grado di resistere alle intemperie e che, oltretutto, abbia anche una superficie facile da pulire. Inutile dire, comunque, che in tutti i casi si devono scegliere sempre dei tavolini che siano costruiti in modo solido e che non presentino dei potenziali pericoli per il bambino. Questo significa bandire chiodi, soprattutto se esposti, e, al loro posto, lasciare spazio a moduli a incastro o a colle a presa rapida.

Stabilite queste caratteristiche, è la volta di concentrarsi sul design che più si preferisce. In questo caso molto dipende dal gusto personale e da quello del proprio bambino. Oltre che dallo stile scelto per la cameretta, nel caso si intenda inserire il tavolino in questo ambiante. Ovviamente una distinzione ulteriore, poi, deve essere fatta anche in caso ci si trovi a rispondere alle esigenze di un maschio o di una femmina. Nel primo caso, si consigliano forme geometriche e l’utilizzo di fantasie che richiamano alcuni protagonisti delle animazioni più amate dai vostri piccoli. Nel caso, invece, di una bambina le scelte possono farsi più principesch. Questo, naturalmente, dipende molto dal carattere della piccola. Nel caso si abbia a che fare con un carattere romantico, infatti, si può dare via libera a colori pastello. Per non parlare, poi, del mondo Disney che offre sempre delle infinite soluzioni.

Per concludere la guida, poi, dedichiamo una parte ai genitori più artistici e intraprendenti dal punto di vista del fai da te. In questo caso, sempre che si sia capaci di utilizzare martello e pennelli, è possibile creare per il proprio bambino un modello assolutamente personalizzato. Per facilitare i passaggi, la struttura di legno può essere realizzata da un falegname portando le misure esatte e offrendo qualche suggerimento riguardo la forma desiderata. Una volta portato a casa il tavolino in versione grezza, però, è la volta di dare libero sfogo alla fantasia. Le opportunità sono varie. Tra tutte spicca l’utilizzo di tempere e pennelli con cui disegnare fantasie o personaggi particolarmente cari al piccolo. In secondo luogo, poi, si può anche tentare una creazione con del semplice decoupage o con gli stencil. In questo modo si avrà la soddisfazione di aver fatto un regalo veramente personale con tutto il cuore e la fantasia possibile.

Seguendo i consigli proposti in questa guida è possibile scegliere il migliore tavolino per bambini in modo semplice e veloce.