In questa guida spieghiamo come scegliere il migliore zaino scuola.

Quando l’inizio di un nuovo anno scolastico si avvicina, i bambini sono presi da una sorta di frenesia per iniziare ad acquistare il necessario, composto di quaderni, astucci, penne, matite e colori. Il tutto seguendo, ovviamente, il proprio gusto e le stimolazioni pubblicitarie che non mancano mai di colpire la fantasia dei più piccoli.

Da questa corsa agli acquisti non è escluso anche lo zaino per la scuola che, anzi, rappresenta l’accessorio più importante. In questo caso, infatti, i genitori hanno la preoccupazione di dovere andare a selezionare un modello che, al tempo stesso, sia tanto solido da riuscire a durare negli anni quanto confortevole per le spalle dei propri figli.

Questo significa, dunque, andare a limitare, in qualche modo, l’entusiasmo dei bambini, i quali baserebbero la propria scelta esclusivamente sull’aspetto estetico. Vediamo come fare, però, a non deludere i loro desideri prestando particolare attenzione ad alcuni elementi di qualità.

Fondamentale è trovare una giusta via di mezzo tra valore tecnico e scelte estetiche. In realtà non si tratta di un compito impossibile, visto che sul mercato ogni anno vengono lanciati un numero molto elevato di zaini per la scuola. Importante è tenere in considerazione alcuni elementi tecnici ben precisi.

Questi, in modo particolare, devono assicurare una vestibilità e una comodità volte a non creare una cattiva postura o fastidiosi dolori alla schiena, al collo e alle spalle. In effetti, i bambini sono sottoposti a un carico notevole di peso tutti i giorni. Per questo motivo, dunque, è fondamentale comprendere quali caratteristiche possono rendere il dovere scolastico meno gravoso e pesante, almeno dal punto di vista fisico.

Stabilito questo, dunque, andiamo a considerare da vicino gli elementi che deve possedere un buono zaino da scuola. Caratteristica importante sono le bretelle imbottite. Queste, infatti, per evitare il sopraggiungere di dolori alle spalle, devono essere anche piuttosto larghe e, come già detto, imbottite. Per riuscire a distribuire nel migliore dei modi il peso, poi, è necessario assicurarsi anche della presenza di uno schienale rinforzato e imbottito. Soprattutto questo elemento, poi, aiuta ad attutire qualsiasi tipo di colpo sulla colonna. Sempre per una vestibilità migliore e per una buona distribuzione del carico, potrebbe essere un utile anche utilizzare la cintura in vita, grazie alla quale tenere lo zaino più vicino al corpo. Ultimo aspetto strutturale fondamentale, poi, sono le strisce catarifrangenti. Queste, infatti, soprattutto in situazioni con una scarsa visibilità, rendono più evidente la presenza di un bambino. Per concludere la descrizione dello zaino perfetto, poi, non bisogna dimenticare di scegliere un modello che, per grandezza, si adatti alla perfezione all’altezza del bambino. Anche in questo modo, infatti, si evitano dei carichi eccessivi.

La scelta di un buono zaino, però, non si ferma certo ai suoi aspetti strutturali. Importante, infatti, è un altro dato come il peso. In questo caso, dunque, è importante capire quanto lo zaino pesa da vuoto e quanto da pieno. In questo caso, per non commettere errori, è possibile fare riferimento a dei dati precisi. Secondo alcuni esperti, infatti, gli zainetti da scuola pieni devono pesare tra il 10 e il 15% del peso corporeo del bambino. Considerando, dunque, che a sei anni un giovane alunno dovrebbe pesare 20 kg, ecco che si ha il dato relativo allo zaino perfetto, ossia pari a 2 o 3 kg. Per quanto riguarda, invece, la condizione da vuoto, si passa da un minimo di 600 grammi fino a un massimo di 900 grammi nei casi dei modelli imbottiti. Da notare, poi, che quelli più ambiti, ossia con i personaggi dei fumetti o dei cartoni animati particolarmente noti, hanno la possibilità di essere estendibili. Questa caratteristica incide anche sul peso a vuoto portandolo a un massimo di 600 grammi.

Tenendo conto di tutti questi dati, poi, si potrebbe essere tentati di pensare a una soluzione diversa come gli zaini dotati di rotelle. In questo caso, però, l’apparenza potrebbe ingannare. Il trolley, infatti, è più pesante di qualsiasi altro zaino e, una volta riempito, può superare il limite di sicurezza con pochi elementi al suo interno. Oltre a questo, poi, è fondamentale considerare anche un’altra variabile, ossia non sempre è possibile usufruire nel modo migliore delle ruote e trainare lo zaino come, ad esempio, in caso di pioggia, mezzi pubblici e scale.

Per concludere, una volta valutate le varie caratteristiche tecniche, non bisogna dimenticare di porre attenzione al modo in cui riempire lo zaino per la scuola. Perché, infatti, il peso risulti calibrato, è necessario inserire libri e accessori con una precisa logica. Per prima cosa è bene distribuire tutto nei vari scomparti. Fatto questo, poi, è fondamentale inserire gli elementi più pesanti, come libri e dizionari, in senso verticale vicino alla schiena. In caso contrario lo zaino sarebbe sbilanciato, rischiando di inarcare in modo innaturale la schiena dei bambini.

Seguendo le indicazioni presenti in questa guida è possibile scegliere il migliore zaino scuola in modo semplice e veloce.