In questa guida spieghiamo come scegliere la migliore bilancia pesa neonati per le proprie esigenze.

Quando arriva un bambino, oltre alla gioia iniziale, l’evento porta una serie di dubbi, soprattutto se si è alla prima esperienza come genitori. Una di queste, se non la maggiore, riguarda l’alimentazione del piccolo e, di conseguenza, anche il peso. Dal momento della sua nascita fino a tutti i mesi successivi, il neonato è pesato con regolarità per vedere l’andamento della crescita. Per questo motivo è necessario munirsi di uno strumento di grande precisione come la bilancia per neonati

Prima di procedere all’esame delle caratteristiche e delle qualità che definiscono l’oggetto, conviene provare a rispondere a una domanda fondamentale, quella relativa a quale risulta essere il peso ideale di un bambino.

Dare una risposta precisa è piuttosto difficile. Diciamo che la normalità, almeno al momento della nascita, è data da valori che segnano intorno ai tre chili o poco più. Nei momenti successivi al parto, poi, il piccolo subisce la così detta perdita di peso fisiologica pari a 200 gr, quindi non bisogna spaventarsi di fronte all’evento. Questo calo, infatti, sarà recuperato in pochi giorni. Bisogna considerare che per il piccolo il momento della nascita rappresenta uno stress non da poco.

Da queste poche parole, dunque, è chiaro che i nei genitori dovranno essere a stretto contatto con la bilancia per bambini. Il fine, ovviamente, è tenere sotto controllo lo sviluppo del proprio bambino e segnare con attenzione ogni dato per rispondere alla fatidica domanda di parenti e amici, quella relativa a quanto pesa. Sembra chiaro, dunque, quanto importante sia la qualità della bilancia scelta, vediamo quindi come riuscire a comprare il modello migliore che risponda alle proprie esigenze e, soprattutto, quelle del nuovo arrivato. Iniziamo con il dire che esistono in commercio due diversi tipi di bilancia, ossia quelle manuali e digitali. Rispetto al passato, gli strumenti elettronici hanno raggiunto un livello di precisione sempre maggiore, fino a riportare dei valori praticamente privi di margini di errore. Tanto che alcuni modelli digitali sono dotati perfino di un programma speciale in grado di eliminare automaticamente il peso che nasce in modo inevitabile dai movimenti dei bambini. In questo modo il valore che comparirà sarà effettivo e senza margine di errore. Parlando sempre di numeri, poi, le bilance più sofisticate sono in grado di misurare da un minimo di 5 grammi fino a un massimo di 10 kg.

Come se non bastasse, poi, questo tipo di bilance non dimenticano nulla. Significa che sono dotate di una memoria grazie alla quale potere controllare i dati delle pesate precedenti e riuscire, in questo modo, a costruire un grafico di evoluzione della crescita abbastanza attendibile.

Conclusa la descrizione sulle qualità funzionali, arriviamo alla composizione della struttura. La bilancia digitale è composta da quella che possiamo definire come un pannello di controllo dove viene posizionato un vassoio su cui adagerete il piccolo. Il vassoio, ovviamente, è rivestito di un tessuto di plastica per mantenere le condizioni igieniche a livelli buoni. Oltre a rendere il tutto facilmente lavabile. La funzionalità della bilancia, però, non è solamente quella di pesare il neonato, ma può anche essere utilizzata per stabilire la giusta dose di cibo, sempre per il piccolo. In questo caso basta togliere il vassoio e il gioco è fatto. Tornando alla struttura, poi, tutti questi macchinari hanno uno schermo, quasi tutte si spengono dopo un minuto d’inattività circa e hanno una spia che segnala il sovraccarico energetico o quando si sta scaricando. Terminiamo con il costo che si aggira intorno ai 100 euro.

Sicuramente più economici, invece, sono i modelli manuali. Per queste, infatti, si prevede una spesa che si aggira intorno ai 30 euro. Anche queste sono costituite da un vassoio su cui poggiare il piccolo e sono in grado di pesare dai 10 g fino ai 13 kg. A differenza dei modelli digitali, quelli manuali, però, hanno bisogno di essere tarati prima di pesare il bambino. Quindi, il consiglio è di leggere con attenzione il manuale di istruzioni per programmare la bilancia in modo tale che il peso rilevato sia perfetto e sicuro al cento per cento. I modelli più moderni, inoltre, sono dotati di un vassoio staccabile così che, anche in questo caso, l’oggetto può avere il doppio utilizzo visto già per i modelli digitali.

A questo punto non è facile dire quale, tra le manuali e le digitali, siano migliori da utilizzare. Da parte loro le bilance digitali hanno un costo superiore ma garantiscono un risultato preciso al millesimo. Dall’altra, anche le manuali offrono un’ottima prestazione e non obbligano a una spesa importante per la gestione famigliare. In breve possiamo dire che molto dipende dal budget a disposizione. Nel caso, però, dobbiate fare un regalo a una futura mamma, è consigliabile dirigersi verso quelle digitali.

A questo punto sorge un altro quesito, quello relativo a dove acquistare l’ambito oggetto. Ovviamente potete recarvi nei negozi per bambini piuttosto ampi e forniti. Non dovete disdegnare nemmeno i siti online, le aste e i mercatini dove, ad esempio, vengono messi in vendita oggetti acquistati al momento della nascita del proprio piccolo e poi mai più utilizzati. Tenete presente che questo tipo di oggetti solitamente sono di buona qualità e in ottime condizioni, anche se di seconda mano. In effetti, abiti, copertine, carrozzine e passeggini sono usati solamente per un brevissimo lasso di tempo per poi, nel migliore dei casi, venire imballati nuovamente e messi a risposo in cantina.

Stabilito tutto questo, adesso andiamo a vedere più da vicino alcuni dei modelli più apprezzati. Il primo della lista è Mister Baby Peso Bravo. Questa bilancia si fa notare soprattutto per il prezzo vantaggioso, ossia 59 euro, e per le sue dimensioni ridotte. Il modello, infatti, è formato da un corpo unico caratterizzato dal vassoio dove posare il neonato e dallo schermo retroilluminato dove compare il peso accanto ai comandi per spegnare e accendere. Alimentato attraverso delle batterie, Mister Baby riesce a calcolare anche i grammi. In questo modo, dunque, è possibile calcolare alla perfezione la variazione del peso del vostro piccolo, prima e dopo la poppata. Per quanto riguarda le funzioni, poi, il modello è caratterizzato da tre diversi elementi. Il primo è la funzionalità tara. Grazie a questa è possibile mettere un panno sul vassoio senza che questo vada minimamente a alterare il peso globale. Attraverso la funzione Blocca Peso, invece, permette di eliminare il peso causato dal movimento naturale del piccolo e di offrire, anche in questo caso, dei valori chiari. Chiudiamo con la funzione Memoria. Questa garantisce di poter controllare sempre i dati registrati durante le pesate precedenti in modo da confrontare i dati e segnare la costanza dei progressi o eventuali arresti.

Altrettanto economica è Chicco 5577. Questa è caratterizzata da un design confortevole e dello stile essenziali che bene si adatta anche agli arredi e allo stile più semplice e moderno. Anche in questo caso, come nel modello descritto precedentemente, il vassoio costituisce un corpo unico con lo schermo. Su questo, poi, sono posizionati i tasti per l’accensione, lo spegnimento e la tara. A caratterizzare la bilancia Chicco, però, è soprattutto la lunghezza del vassoio che, rispetto ad altri, risulta più lungo e, quindi, maggiormente confortevole. Infatti, il bambino può stendersi completamente. Fatto non secondario, poi, la bilancia in questione riesce a pesare fino a 20 kg, il che significa un utilizzo maggiore e per lungo tempo. Inoltre la pesata risulta essere particolarmente precisa, visto che il modello calcola variazioni ogni dieci grammi. La funzione, per esempio, è utile per capire esattamente la quantità di latte che viene assunta dal piccolo durante la poppata. Per questo motivo è molto importante, soprattutto durante i primi mesi, eseguire con costanza la doppia pesata. Anche in questo caso l’oggetto mantiene memoria dei dati registrati in precedenza ed è dotato anche di un sistema di spegnimento automatico dopo soli trenta secondi di inutilizzo in modo da evitare qualsiasi tipo di spreco energetico.

Il costo sale con Mebby 91502. In questo caso, infatti, è previsto un prezzo di 74 euro. Però, se amate il design tipico delle bilance manuali, allora potreste essere disposti a spendere una cifra maggiore di quelle richieste dai modelli già considerati. Nonostante il suo aspetto, però, ci troviamo di fronte a un modello elettronico che garantisce precisione. Le sue dimensioni sono più ampie, visto che ci troviamo davanti a un vassoio rimovibile che poggia sul corpo vero e proprio, ossia dove si trova lo schermo con tanto di tasti per il controllo delle funzioni. Il piatto, inoltre, è rivestito di un tappetino la cui funzione è quella di rendere la pesata più confortevole. Questo, poi, può essere rimosso e lavato a mano o in lavatrice a basse temperature. Anche questa bilancia è in grado di pesare fino a 20 kg, è alimentata attraverso batterie ed è dotata di un programma in grado di eliminare il peso prodotto dal movimento del bambino. Per finire, poi, non manca la funzione memoria, grazie al quale annotare con precisione le variazioni prima e dopo la poppata. In questo caso, poi, grazie allo schermo più grande, l’operazione di controllo si svolgono in modo più agevole e veloce.

Chiudiamo con Beurer JBY 80. Con i suoi 62 euro ci troviamo davanti a un prodotto che rientra perfettamente nella fascia medio alta. A rendere particolare questo modello, poi, è uno stile rivolto al comfort e alla maneggevolezza. Sostanzialmente la bilancia è formata da un piatto pesata in plastica, sagomato per accogliere nel migliore dei modi il piccolo. Inoltre è decorato con dei disegni che aiutano il bambino a distrarsi e a rendere il momento più piacevole del previsto.

Seguendo le indicazioni proposte in questa guida è possibile scegliere la migliore bilancia pesa neonati in modo semplice e veloce.